10 trucchi non convenzionali per affrontare lo svezzamento da una mamma che ci è dentro fino al collo

Onestamente, mi ha dato più ansia lo svezzamento del parto:
tradizionale o autosvezzamento? Quando iniziare? Quali cibi sì e quali no? Potrò usare il rosmarino? Come inizio a proporre i pezzettini? Come lavo la frutta? …

Insomma, un gran casotto. E a cercare in giro ho trovato solo caos.

Così ho iniziato con le solite crimine, poi dai sei mesi ho proposto di tutto frullato con pastina, e piano piano sono passata a piatti semplici e semplificati tagliati a pezzettini.
Insomma, mi sono convinta che, come in (quasi) tutte le cose, non ci sia un modo giusto e uno sbagliato: l’importante è che il bambino e la mamma siano pronti e si sentano a proprio agio.

Insomma… Lo so che non ne puoi più di chi ti dice come fare, ti capisco!

Qui sotto ti svelo qualcuno dei miei dieci trucchi (non convenzionali) per affrontare serenamente lo svezzamento, da una mamma che ci immersa fino al collo… Perfetti qualunque sia il metodo che hai scelto!

trucchi per lo svezzamento Continua a leggere

Chioccioline allo zafferano – ricetta per bambini

Lo zafferano è diventato uno dei miei migliori alleati in cucina da quando ho iniziato a proporre a Leonardo piatti ‘da grandi’ ma preparati senza sale. Lui è di bocca buona, è vero, ma le cose insipide proprio non gli vanno giù: le sputa, si fa venire i conati di vomito, piange disperato che di mangiare non ne vuole sapere.

Con mio grande piacere e il via libera del pediatra ho riscoperto le spezie: lo zafferano, in particolare, è tra quelle che amiamo di più, anche al di là del solito risotto a cui eravamo abituati.

chiocciole allo zafferano ricette svezzamento Continua a leggere

Disegniamo insieme la storia della mamma – anche lei è stata piccina

Prendi un pastello a cera, oggi disegniamo insieme: vuoi?

Abbi pazienza però con me, che a colorare non sono mica tanto brava, e non faccio bene le cose come te, che si capisce subito quando dipingi il foglio con la fantasia e poi me lo leggi con le parole.
Ma proviamoci lo stesso a colorare insieme, ti prometto che cercherò di non bucare il foglio.

Allora, cominciamo.

disegniamo insieme la storia della tua mamma Continua a leggere

In viaggio con un neonato – Cosa non può mancare in valigia

Ormai qui stiamo diventando esperti di partenze col neonato: necessità improrogabili, orari più fissi di quanto fossimo abituati, la bellezza dei viaggi tutti insieme.

Perchè allora non condividere l’elenco delle cose che non possono assolutamente mancare quando una neomamma parte per una vacanza?

Detto fatto, ecco qui la mia check-list pre partenza!

in viaggio con un neonato cosa portare gli indispensabili Continua a leggere

In viaggio con un neonato – week end a San Miniato

Venerdì 09 è stato il mio compleanno (yeeaahhhh!! Happy birthday to me!!! – se mi seguite sui social lo sapete bene dal momento che vi ho fatto due maroni tanti con ‘sta cosa che, hey, sono la festeggiata!), e in quest’occasione ho regalato a Quasi Marito&Co. un week end sui colli toscani (generosissima me).

Così venerdì, subito dopo il pranzo, ci siamo messi in macchina tutti e quattro (non ho fatto un altro bimbo di nascosto, la quarta era ovviamente la nostra Audrey a quattro zampe) alla volta di San Miniato (PI).

viaggio in toscana con un neonato Continua a leggere

Famiglia è una molecola di sale

E’ un po’ che non mi prendo del tempo per scriverti bimbo mio, ma stasera vorrei parlarti di famiglia.

Non me e papà, e Audrey, ma della famiglia che ti costruirai con le tue mani, i tuoi abbracci e i tuoi sacrifici, che sarà il motivo per cui ti alzerai ogni mattina e correrai al lavoro tra il traffico, tirando sera a suon di caffè aspettando il momento di attraversare la porta e riabbracciarli.
E di me, papà e Audrey ti ricorderai un po’ meno, ma saremo sempre nella persona che sei.

famiglia amore pannolini e décolleté

Continua a leggere

L’inglese sotto i tre anni: un grande regalo per i nostri bambini!

Quanto è importante al giorno d’oggi conoscere l’Inglese? Tanto. Tantissimo, non c’è bisogno di ricordarlo.
Quanti di noi possono fregiarsi di un ottimo Inglese? Pochi. Pochissimi, se non bariamo in vista di un colloquio.

E a dire il vero questa materia è una (ahimè tra le tante) grossa lacuna del nostro sistema scolastico: non si studia bene, non si studia abbastanza.
Eppure fornire questo strumento ai nostri bambini è davvero un mattone importante per il loro futuro.
E iniziare da piccoli a familiarizzare con la lingua straniera, quando la loro mente è ancora super-assorbente, è un grande dono che possiamo fare loro.

Il progetto Hocus&Lotus, nato da 35 anni di ricerca sul campo, ha proprio questo scopo: avvicinare i più piccoli alla lingua anglosassone attraverso un metodo chiamato ‘format narrativo’, che si propone di fare innamorare e divertire i bambini mentre apprendono, riservando per l’inglese lo stesso processo di apprendimento che si sviluppa per l’italiano.

logo_HOTUS_OK_2 Continua a leggere

Pensiero estemporaneo senza né capo né coda

Durante gli anni dell’università, andavo a Milano quasi tutti i giorni. 
Sveglia alle sei, una sistemata veloce e poi dentro a un treno sovraffollato che bucava la Brianza per spuntare in stazione Centrale, avanti e indietro all’infinito, pendolando come me e altre migliaia di persone.

Questo prima di scoprire definitivamente che il treno mi mette addosso un’ansia da tachicardia, non chiedetemi il perché. Gli ultimi periodi sono stati un andirivieni in macchina, tra il traffico, i fari delle sei e le imprecazioni.


Continua a leggere

I bambini devono fare da soli. Senza mai sentirsi soli… – Un libro per crescere insieme

Ci sono libri che rapiscono il pensiero, altri che trasportano magicamente in universi paralleli e nelle storie di protagonisti che pagina dopo pagina impariamo ad amare.

Ecco, ‘I bambini devono fare da soli. Senza mai sentirsi soli…’ di Elisabetta Rossini e Elena Urso non è un libro così: non aspettatevi di immergervi in una storia.
Eppure, smettere di leggere questo breviario non è semplice. Ogni pagina racchiude un piccolo tesoro, una massima accompagnata da delicate illustrazioni.

Libri per crescere

Continua a leggere

Egregio titolare, mi permetta due parole sulle neomamme

Settembre porta con sé tanti buoni propositi e il rientro dopo le ferie, attese tutto l’anno: gli uffici si riempiono, le città tornano al loro normale brulicare e i negozi riprendono i loro orari a tempo pieno, anche gli ormai troppo pochi che hanno fatto una sosta ad agosto.

Da piccola amavo rientrare a scuola, dopo tre mesi di libertà: mi piaceva rincontrare vecchi compagni e ancora più vecchi banchi, aprire nuovi libri, chiedermi cosa avremmo imparato quest’anno.

Poi c’è stato il lavoro, e tornare è diventato, inutile negarlo, un po’ più noioso. Ma, tutto sommato, sempre accettato di buon grado.

Per una donna che è appena diventata mamma, invece, il rientro non è sempre una cosa scontata.

mamme lavoro

Continua a leggere